Il tema delle primarie, Prossima Italia ed il contributo alla piattaforma.


Qui e qui, scritto e parlato, ciò che ha detto Bersani (anche) sulle primarie.

Per i disastri che sono stati fatti (ad esempio a Milano), per il comportamento di Vendola (indecoroso il suo comportamento di martedì 14 dicembre dove ha fatto la questua di tutte i microfoni presenti a Montecitorio in un rivoltante spot personale per le primarie, quando il governo non è nemmeno caduto), la posizione di Bersani è sacrosanta.
Il percorso è: Programma > Alleanza > Primarie (di coalizione), non il contrario, come è avvenuto ad esempio a Milano.

Chi è stato alla Leopolda, come me, può ben concordare che questo è un processo logico, l’unico possibile. Lo statuto inequivocabilmente indica Bersani come candidato premier nominato del PD. Le carte sono in mano a lui. Chi vuole sostituirsi a lui, esca dal partito.
Se, sulla base del famoso Programma e dopo che si è formata l’alleanza, egli (Bersani) vorrà di sua sponte rinunciare per vari motivi (ad esempio un accordo con altri partiti) al ruolo di candidato premier (ma non di leadership della coalizione), si porrà allora il problema. Inutile fasciarsi la testa adesso.

Sulle primarie per le liste per il porcellum ha più e più volte detto che si faranno e non ho nessun motivo per non credergli. Se non fosse successo questo bailamme avrei già inoltrato alla segreteria provinciale una “bozza” sul tema. Ne parlo non per protagonismo ma perché , nel migliore spirito della Leopolda e di Prossima Italia, è in questo momento di perfezionamento della piattaforma che le buone proposte possono essere avanzate, con spirito di lealtà e di condivisione per il PD, per la coalizione ma soprattutto per l’Italia.

Ed ora quello che penso io su Bersani e sulla fase che si apre.


Dopo il voto del 14 il pallino è definitivamente in mano a Berlusconi. O governa o ci manda al voto anticipato. Dato che non governa da due anni e mezzo (gli interessa solo la sua poltrona e l’immunità che ne deriva) a mio avviso cercherà di vivacchiare il più a lungo possibile.

Mi pare chiaro che Bersani voglia fare due cose: la famosa piattaforma (cioè la sintesi – arricchita – dei documenti che si preparano da circa nove mesi nelle varie commissioni dell’Assemblea nazionale) e mettere il PD al centro dell’opposizione, dove sta geograficamente ma non mediaticamente, schiacciato dal tema delle alleanze e delle primarie.
Per ciò stesso spazza via in un colpo solo questi due temi, trattati dalla stampa in modo inopportuno quando non sleale e malevolo: prima la sostanza, la proposta del PD agli italiani ed a tutti i possibili alleati.
Vendola e Di Pietro? Bersani non lo dice, ma chi se ne importa. I loro partiti, pardon comitati elettorali, se sanno fare altrettanto lo facciano, altrimenti prendano i nostri temi e vedano uno per uno se sono d’accordo.
Fini? Bersani non parla mai di destra, parla di centro. Sicuramente non può lanciare un tema (la piattaforma) alle opposizioni ed escludere aprioristicamente nessuno. Sarebbe autolesionista.

Esiste una dicotomia nel mondo politico italiano: mascalzoni (più o meno consapevoli) + leghisti da una parte, e tutti gli altri. Il paese non è così, e mai come stavolta è scalabile.
Tornando agli “altri” di cui sopra, il PD è il vero centro, nel senso buono del termine, e fa il suo lavoro. Proporre e vedere chi ci sta. Tempo per eventuali veti ci sarà (ma non serviranno: Fini non verrà, e sono affari suoi).

A parte il pensiero sulle primarie.

Pubblicato su Generale. Tag: , , , . 4 Comments »

Cosa ha detto Bersani, versione facilitata per giornalisti.


L’Italia dopo la cura berlusconiana è un disastro e tutti soffrono: studenti, lavoratori, piccoli imprenditori.
La democrazia stessa e le istituzioni sono minacciate.
Noi guardiamo Oltre e faremo proposte per superare questa crisi.
Il PD farà proposte concrete a disposizione di tutte le forze politiche interessate. Non ci interessa parlare di alleanze prima che delle cose concrete.

Se decidiamo che è finita l’epoca del “ghe pensi mi” e cioè che una persona sola ti evita la fatica delle riforme, se vediamo la profondità del problema che abbiamo davanti anche alle nuove generazioni… beh, allora bisogna essere generosi, allora non si possono avere egoismi di partito o personali, chi ci sta ci sta.
Noi da gennaio ragioniamo così e presenteremo una nostra chiara e radicale piattaforma di riforme.

Io sono molto preoccupato della situazione di questo paese, sono molto preoccupato. Cosa sta correndo nella testa di questi giovani studenti. Cosa stan pensando il milione di lavoratori che sono in cassa integrazione e non vedono lo sbocco, le piccole imprese che saltano, cosa stan pensando? Cosa stan pensando le famiglie?
Basta! C’è una barriera tra politica e società, fra istituzioni e società che bisogna assolutamente colmare. E dobbiamo occuparci di questo. Poi capisco che il gioco mediatico e giornalistico ci porta sempre su temi che vengon dopo, tipo quello di misurar le distanze tra questa e quest’altra proposta politica, ma così poi la gente non ci capisce più ed io a questa cosa non ci sto.

Siamo un partito che sa benissimo che deve saldare istanze di rinnovamento rivolgendosi ad una parte di popolazione che ha anche diversi orientamenti a volte culturali, ideali, sappiamo di dover fare una sintesi, però la sintesi la facciamo sulle cose concrete, la gente deve capire di che cosa stiamo discutendo. Non quanto sono vicino a Fini o lontano da Di Pietro o viceversa, perché questo non è più il modo secondo me di bucare verso la società verso i problemi della società.

Non rinunciamo alle primarie. Però un po’ è stato frainteso un po’ è stato deformato. Per esempio è stato frainteso quando si è cercato o si cerca di mettere il carro davanti ai buoi.
Noi parliamo di primarie di coalizione, quindi presuppongo ci sia una coalizione.
Per esserci una coalizione bisogna intendersi su cosa facciamo per l’Italia, questa è la sequenza logica.

Programma – coalizione – primarie di coalizione.

Si cerca esperto egittologo per la versione in pittogrammi ad uso e consumo di Luca Telese e del Fatto Quotidiano.

Cosa ha detto Bersani, parola per parola.


Adesso cominciamo a guardare Oltre Berlusconi e come è messa l’Italia.
Credo che vedano tutti come è messa la nostra democrazia dopo la cura berlusconiana, che vedano tutti la condizione sociale, gli studenti, i lavoratori, le piccole imprese.
E’ ora di immaginare un risveglio italiano, una riscossa italiana, una Riforma della Repubblica e delle riforme per la crescita del Lavoro. Adesso è ora di avanzare una piattaforma e noi vogliamo farla, la rivolgeremo a tutte le forze di opposizione ed ognuno deve prendersi le sue responsabilità, perché il continuo giro politicista sul tema ad esempio delle alleanze a prescindere da che Italia vogliamo è un gioco in cui non vogliamo stare.

Domanda: è rivolto a tutti, da Fini a Vendola?
A tutti quanti, perché, poi, naturalmente ognuno si prenderà le sue responsabilità, darà la sua risposta. Se decidiamo che c’è un passaggio di fase in questo paese qui, se decidiamo che è finita l’epoca del “ghe pensi mi” e cioè che una persona sola ti evita la fatica delle riforme, se vediamo la profondità del problema che abbiamo davanti anche alle nuove generazioni… beh, allora bisogna essere generosi, allora non si possono avere egoismi di partito o personali, chi ci sta ci sta.
Noi da gennaio ragioniamo così e presenteremo una nostra chiara e radicale piattaforma di riforme.

Domanda: la linea si discute in direzione, lei ha detto, però intanto apre all’alleanza con il terzo polo o comunque apre ad una possibilità di dialogo con il terzo polo.
Il senso del mio messaggio è aperto a tutte le forze di opposizione, quelle di centro sinistra e quelle di centro (notare: non ha detto di destra) perché ognuno ripeto si prende le sue responsabilità; dopodiché in direzione io voglio parlare di Italia. Io sono molto preoccupato della situazione di questo paese, sono molto preoccupato. Cosa sta correndo nella testa di questi giovani studenti. Cosa stan pensando il milione di lavoratori che sono in cassa integrazione e non vedono lo sbocco, le piccole imprese che saltano, cosa stan pensando? Cosa stan pensando le famiglie?

Basta! C’è una barriera tra politica e società, fra istituzioni e società che bisogna assolutamente colmare. E dobbiamo occuparci di questo. Poi capisco che il gioco mediatico e giornalistico ci porta sempre su temi che vengon dopo, tipo quello di misurar le distanze tra questa e quest’altra proposta politica, ma così poi la gente non ci capisce più ed io a questa cosa non ci sto.

Domanda: ma la proposta di matrimonio di Di Pietro non è un gioco mediatico, è una proposta precisa e lui dice a questo punto aspetto la direzione per sapere come gli risponderete.
Ma, guarda, se ‘spetta la direzione può evitare di aspettarla. Ho già detto, parliamo di Italia noi lì. Io non ho nessunissima come ovvio preclusione anzi verso le forze di centro sinistra, lavoriamo assieme all’opposizione, sono prontissimo a dialogare. Però voglio chiedere a tutti se ci rendiamo conto del livello del problema, perché se sì, egoismi ambizioni devono essere messe un po’ da parte no? Quindi, apertura, amicizia verso tutti, noi siamo un partito di centro sinistra, siamo un partito che sa benissimo che deve saldare istanze di rinnovamento rivolgendosi ad una parte di popolazione che ha anche diversi orientamenti a volte culturali, ideali, sappiamo di dover fare una sintesi, però la sintesi la facciamo sulle cose concrete, la gente deve capire di che cosa stiamo discutendo. Non quanto sono vicino a Fini o lontano da Di Pietro o viceversa, perché questo non è più il modo secondo me di bucare verso la società verso i problemi della società.

Altra intervistatrice: Segretario. In questa nuova fase andranno perimetrate meglio anche le primarie?
Si, perché penso che noi non rinunciamo naturalmente a questo strumento. Però un po’ è stato frainteso un po’ è stato deformato. Per esempio è stato frainteso quando si è cercato o si cerca di mettere il carro davanti ai buoi.
Noi parliamo di primarie di coalizione, quindi presuppongo ci sia una coalizione.
Per esserci una coalizione bisogna intendersi su cosa facciamo per l’Italia, questa è la sequenza logica.
Secondo: molto spesso queste primarie fatte in questo modo invece di avvicinarci alla società civile ce ne han tenuto fuori ed han ristretto anche il nostro campo di relazione quindi noi lavoreremo per i prossimi mesi per una riforma di questo istituto, questo è un tema al quale ci accosteremo da partito consapevole del fatto che poi gli italiani, sì, sono appassionati di primarie però gli italiani adesso hanno degli altri problemi no? Quindi noi spero che riusciremo a dar l’idea di un partito che si concentra su temi tipo il lavoro per esempio poi le nostre regole le aggiusteremo insomma sapendo qual è la priorità.

Ciò che ha detto Bersani



E’ un po’ diverso da ciò che è finito sui giornali e sul web. Parliamone. Domani resoconto stenografico.