C’è una luce in fondo al tunnel / reprise


Annunci

Scartato


L'angolo del buonumore

PD e primarie


Puntare sul mare o sull'Himalaya?

Ho aperto insieme ad altri una società (cooperativa), è l’agenzia di viaggi PD.
Abbiamo deciso di chiedere alla clientela a noi vicina dove si vuole recare in vacanza in questo inverno, a parità di prezzo della vacanza. Abbiamo fatto un sondaggio invitando tutta la clientela a votare, se n’è presentato un buon numero ma non tutto il nostro bacino, ed il risultato è stato questo:
1. Su un ghiacciaio, in Nepal: 35%
2. Al mare, ai Caraibi: 33%
3. Al mare, in Egitto, 32%
Ci rendiamo conto, ora, che abbiamo organizzato male il sondaggio (questo non è il caso di Milano, nda)

Fuori di metafora, dopo la vittoria di Pisapia alle primarie di Milano, questo post non vuole assolutamente mettere in discussione il risultato, tra l’altro atteso secondo i sondaggi. Vuole aprire una riflessione su come potenziare uno strumento di decisione come le primarie, soprattutto se di coalizione.
I miei 2 penny:

1) Non consentire il tiro al piccione contro un candidato, segnatamente in questo caso il candidato del PD. E’ inconsulto che un grande partito come il PD accetti il confronto con i suoi alleati e poi venga criticato in modo inverecondo sui giornali o da siti al limite della querela. Serve un accordo tra gentiluomini: in caso il tiro al piccione avvenga, gli altri candidati devono pubblicamente e con forza e ripetutamente condannare questo comportamento.
Ad esempio il sito Boeri nein Danke (che ora con pudore ipocrita ha cambiato la testata), spin off livoroso di Penati nein Danke, ad opera di un trombato del PD che avrà anche le sue ragioni ma è indecoroso getti fango in questo modo
2) In caso di non raggiungimento del 50%, poiché per ragioni di costo e organizzative sono improponibili primarie a doppio turno, si addizionino ai voti di preferenza coloro che hanno messo i singoli candidati al secondo posto in una scala di preferenze, e poi al terzo etc

C’è molto da parlare a questo proposito, abbiamo tempo. Ovviamente ora dobbiamo sostenere con lealtà Pisapia come prossimo sindaco di Milano

Milano: sporchi, neri, sudici, portano malattie. Moratti e De Corato, perché non li cacciate?


Quando siano immigrati nessuno lo sa. Sono sporchi, neri, sudici, portano malattie. Attaccano i milanesi “veri”. Non parlano la nostra lingua, non seguono le nostre tradizioni, anche igieniche. Moratti e De Corato, perché non li cacciate?