Inizia la migrazione su blogspot.


Lacrimuccia e grazie a chi ci ha seguito qui.
Ora seguiteci sul nuovo Coccaglio Olio e Peperoncino

Annunci

22mila


Oggi raggiunte le 22mila visite. Non tantissime, non pochissime.
Grazie della pazienza.

Pubblicato su Diario. Tag: . 1 Comment »

Ragionamenti elettorali /2


La mia analisi trova sostanzialmente riscontro. Un PD che parla a tutti e lascia aperte tutte le porte diventa più appetibile, perlomeno in questa fase. Guadagna sia sul lato di Vendola sia sul lato di Casini.
L’elettore di frontiera del terzo polo, in buona sostanza, non trova più l’ancoramento radicale sulla sinistra e si chiede “perché no?” e si dice disposto a votare il PD.
Il calo di Vendola probabilmente è da addurre a come si è incartato sulla questione Bindi. Fare i fuochi artificiali potrebbe non essere apprezzato a lungo anche tra i suoi. Vero è che M5S e FDS hanno guadagnato un pochetto.

Pubblicato su Generale. Tag: , , , . 1 Comment »

Ragionamenti elettorali


Ho preso gli ultimi due sondaggi di Ballarò e due meno recenti, tutti dopo la ripresa dei lavori parlamentari in settembre.

Clickate per ingrandire. Si evincono due cose: che SEL mangia voti a Di Pietro e Federazione della Sinistra e M5S, che SEL erode un pochino (ino ino) dell’elettorato a sinistra del PD ma che il PD se la cavicchia bene e di espande sul versante opposto.
Bene entrambe le cose. In prospettiva sarà interessante:
a) vedere quanto può crescere l’area a sinistra del PD
b) vedere quanto può espandersi ancora il PD verso il centro

E’ mia opinione che entrambe le due crescite siano in un certo senso favorite dalla politica del PD che propone la Grande Coalizione o CLN che dir si voglia. Se il PD non guardasse al centro, si contrarrebbe la sua espansione verso il centro ed alcuni degli elettori ceduti a SEL tornerebbero all’ovile.

Adro/Soli: modesta proposta: “Good Practice” e libro/sito


Destinata ad essere dibattuta qui e su Facebook.

Sapete quanto reputi importante quanto è accaduto e si è ormai concluso (con la vittoria su tutti i fronti). E’ un caso di scuola nella politica lombarda ed italiana e qui si sono gettati molti semi di quello che è auspicabilmente il futuro dell’italia. Si è dimostrato che la destra “cialtrona” e la Lega populista non hanno un futuro, a patto di vedere l’obiettivo e di saperlo perseguire passo passo.

Lancio l’idea di una scia virtuosa, della formalizzazione di una “Buona Pratica”, un libro (in pdf), un sito, delle interviste a tutti gli attori della vicenda.
E, per discutere di questo, di una riunione la settimana prossima a Torbiato sul tema.

Lo scopo è politico e non di lucro, ovviamente, ma se per ipotesi qualche soldino si dovesse tirare su potremmo devolverli al fondo per i bambini di Adro della Mensa.
Vi aspetto numerosi a questo dibattito.

Arcore viola /4: piccoli difetti, grandi virtù e modesti consigli


Questo post sarà editato più tardi. Comincio dai piccoli difetti, non siate così cattivi perché poi seguiranno le grandi virtù-

Il popolo viola. Mi interessa come simpatizzante. Mi interessa come proiezione verso il futuro. Mi interessa in relazione al PD, ma su quest’ultimo punto farò un post a parte.
Parto dai punti di debolezza. Il popolo viola nasce separato dai partiti. Di più: le voci (vere o false che siano) che il NO B-Day sia stato illo tempore finanziato con 50mila euro IDV sono una pregiudiziale, tutti hanno la coda di paglia su questo argomento. Non si accorgono (quasi tutti) di essere in questo modo “agiti” dalla propaganda berlusconiana.
La melassa mediaset tende scientificamente a formare due spezzoni di “pubblico”: gli acritici elettori di Berlusconi e gli ipercritici “altri”: non potendo sperare di acquisire questi elettori al Cav., cercano in tutti i modi di frammentare il quadro politico “altro”.
Fondamentale a ciò instillare il dubbio che “così fan tutti”, “siamo tutti uguali”, “i politici rubano tutti”.
I più fessi a cadere in questo schema sono, al momento, la sinistra massimalista (quella ancora non riunita da Vendola, intendo) ed i grillini.
Fortunatamente il popolo viola ha dei buoni anticorpi, ma la sua frontiera verso il qualunquismo può indebolirsi ed ingessa i momentanei “portavoce” degli eventi a non toccare certe corde. Vi rimando al post successivo (rapporti PD-viola) dove completerò l’analisi.
Altro difetto (l’ultimo, prometto) è la tendenza a tagliare le teste di coloro che emergono. Giocano in questo due fattori: le ferite che bruciano perché il popolo viola (o rete viola) avrebbe subito uno scippo di visibilità da parte di Mascia, e la naturale tendenza umana a volere la caduta di chi sale, di chi cioè assume ruoli di visibilità o si assume responsabilità.

Arcore viola /3 – le dolenti note: gli scontri.


Si è detto molto degli scontri sui media.
I ragazzi viola che conosco che hanno organizzato non si meritavano questo e sono stati chiamati sbirri dai loro stessi compagni per avere cercato di evitarli.
Chiamate sbirro pure me, che non mi offendo.
In questo momento storico nel nostro paese c’è in atto una rivolta morale ed una nuova consapevolezza politica. Sono le persone comuni, i moderati, che devono scendere in piazza. Questi scontri, se pur limitati, vanno della direzione di scoraggiare questa mobilitazione civica.
Chi non lo capisce è un analfabeta della politica, oltre che un deficente.

I due arrestati (un attivista del M5S di Desio ed un frequentatore dei centri sociali) probabilmente non hanno fatto niente di grave. Però si trovavano in mezzo e sono stati per delle mezzore intere in mezzo alle palle, in prima linea davanti alle forze dell’ordine. Se la sono cercato: voglio dire: io non auguro a nessuno di essere portato via su una volante ma poi lamentarsi perché avviene è da bambini dell’asilo.

Oltretutto gli arresti sono avvenuti dopo le 19, ed in altra zona rispetto al luogo degli scontri. I due genii stavano (a manifestazione abbondantemente chiusa) bloccando il traffico davanti alla stazione.

Io ho visto, prima degli scontri, gli agenti. Sono persone normali che fanno un servizio indispensabile e che starebbero volentieri al lago, di domenica, con la famiglia a prendersi un gelato. A loro va il mio grazie e sono risibili le tesi di persone che abbandonano il buon senso quando parlano di provocatori che mirano solo a menare. Mi piacerebbe vedere loro a stare ore ed ore in piedi a prendersi pure gli insulti.
Mi auguro che non si siano complicazioni per il poliziotto che ha preso 5 punti di sutura in testa a causa di una bottigliata. Sicuramente non avrà un bel ricordo di questa giornata.