Il dramma della SEL e dell’Italia.


Come forse si è capito sono del PD. Sono “nativo”, non sono mai stato né democristiano (né genericamente “cattolico in politica” anche se professo blandamente la fede) né comunista. Non mi definisco né di sinistra, né di destra, né di centro. Ho accolto Vendola come alleato e candidato alle primarie di coalizione con favore, sia per le sue indubbie capacità, sia per le vittorie in Puglia, sia perché si proponeva e si è proposto finora come “pacificatore”. Non ho nessun interesse in SEL (nel senso che non potrei mai farne parte) ma, vista la contingenza, ho cominciato ad avvicinarmi a loro per conoscenza e per approfondimento. Ed ho scoperto molte cose non edificanti.
Innanzitutto non è un partito monolitico: hanno più correnti ed istanze del PD, almeno 5 o 6 ad uno sguardo disattento, ed ognuna guarda in cagnesco chi sta alla sua destra, invidiando un po’ chi ha il coraggio di stare più a sinistra, con l’ultima che ha un piede in SEL ed una nei centri sociali, ricevendo da questi comunque lo stesso sguardo sprezzante e malgiudicante di chi ti cataloga come mezzo fascista.
Le persone ragionevoli, ovviamente, confinano al PD e sono pontieri, in genere sono galantuomini: proprio per questo sono le più disprezzate al loro interno, tanto che pure chi la pensa come loro ed ha velleità di leader deve distaccarsene in modo artificioso.
Paradigma di questa assurdità è il recente caso della diatriba di Illuminismo, partita da questo post. Una persona assolutamente a me affine, che la pensa come me su tantissimi temi, anche su alcuni temi non facili come il burqa, per dire, prende un mio post di assoluta pacificazione con SEL (“volgo le spalle a SEL, mio alleato, fidandomi completamente di loro”, questo il senso) e mi attacca insieme al PD in modo inverecondo ed al limite della querela, qui e altrove, arrivando a dire scopertamente che o vince Vendola alle primarie con noi oppure SEL non sarà fedele e Vendola rovescerà il tavolo.
Abbiamo da riflettere.

Annunci

Sex & the Silvio


Inception Berlusconi