In Svizzera puliscono le montagne.


Sarà sicuramente per questo motivo che Beppe Grillo ha preso lì la residenza… o no?
Da lì, sicuramente, si può sparlare meglio dei cattivi partiti italiani che prendono il rimborso elettorale stabilito per legge…

Qualche link

Annunci

La fine del cavaliere inesistente.


Dal raccontare al passato, e dal presente che mi prendeva la mano nei tratti concitati, ecco, o futuro, sono salita in sella al tuo cavallo. Quali nuovi stendardi mi levi incontro dai pennoni delle torri di città non ancora fondate? quali fumi di devastazioni dai castelli e dai giardini che amavo? quali impreviste età dell’oro prepari, tu malpadroneggiato, tu foriero di tesori pagati a caro prezzo, tu mio regno da conquistare, futuro…

Pubblicato su Diario. Tag: . Leave a Comment »

L’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio


La storia di Grillo è già stata scritta



… da Wikipedia (Guglielmo Giannini). Stanco della dittatura fascista e dell’intromissione della politica nella vita dei privati cittadini, Giannini si mise a capo di un movimento, chiamato Fronte dell’Uomo Qualunque, il cui motto era “non ci rompete più le scatole”: nel 1944 nacque il settimanale dell’Uomo Qualunque (che ebbe una tiratura media di 800.000 copie) e poco dopo nacque anche il partito.

Il movimento, che avrebbe generato una nuova pseudo-ideologia politica chiamata appunto “qualunquismo”, ottenne il 5,3% dei voti alle elezioni politiche del 1946, in cui poté contare su 30 seggi all’Assemblea costituente. L’Uomo Qualunque fece proseliti soprattutto al Sud, dove otteneva il voto dei grandi proprietari terrieri spaventati dalla rivolte delle masse contadine (appoggiate dal Partito Comunista Italiano) e dagli ex-fascisti. La nascita del Movimento Sociale Italiano ed il rafforzamento della Democrazia Cristiana su posizioni più a destra causarono il crollo elettorale dell’UQ.

Nel 1947 Giannini, dopo aver tentato di fare un’alleanza con la Democrazia Cristiana ed il MSI, si avvicina al leader comunista Palmiro Togliatti, che due anni prima aveva definito “verme, farabutto e falsario”, ma molti simpatizzanti dell’Uomo Qualunque, allibiti da questa scelta, abbandonano Giannini che, messo alle strette, rinuncia al patto d’amicizia con il PCI per formarne un altro con il Partito Liberale Italiano, ma ormai il danno è fatto: alle elezioni del 1948 il binomio UQ-PLI ottiene solo il 3,8% dei consensi, e poco dopo i liberali ne escono fuori.

Nonostante il suo seggio alla Camera gli fosse stato riconfermato, Giannini fece confluire il suo partito dentro la DC in vista delle elezioni del 1958: la nuova accoppiata riuscirà ad ottenere il 42,3% dei consensi ed il seggio di Giannini non sarà confermato. Tuttavia, poco dopo le elezioni, Amintore Fanfani forma un governo di centrosinistra con il Partito Socialista Democratico Italiano e Giannini, contrario a tale formula politica, esce dalla maggioranza e confluisce prima nel MSI e poi nel Partito Nazionale Monarchico.

Nel corso della sua esistenza, durata 69 anni meno quattro giorni, fu anche sceneggiatore, librettista e direttore di compagnie.

Milano: sporchi, neri, sudici, portano malattie. Moratti e De Corato, perché non li cacciate?


Quando siano immigrati nessuno lo sa. Sono sporchi, neri, sudici, portano malattie. Attaccano i milanesi “veri”. Non parlano la nostra lingua, non seguono le nostre tradizioni, anche igieniche. Moratti e De Corato, perché non li cacciate?

Lega Nord ed i maltrattamenti contro gli animali.


Ero a pranzo da solo poco fa a Rovato e, dimenticato il quotidiano in ufficio, leggiucchiavo il periodico di informazione locale dove un’attivista della Lega con tanto di cariche, sigle e stellette denunciava (meritoriamente) chi maltratta gli animali, richiamando anche puntualmente tutti gli articoli di legge al riguardo.
Da convinto animalista (ma anche umanista) mi sono chiesto come potesse interessarsi al benessere di altri esseri viventi chi condivide gli ideali ed il partito con Borghezio, Boso e con Gentilini.
Aspettate…
… Borghezio, Boso, Gentilini … amare gli animali …

… scusate, come non detto

Trasformare la plastica in petrolio: possibile?


Guardate questo filmato. Mi informerò sull’argomento, in particolare sulla resa energetica del ciclo. E’ infatti importante che l’energia immessa sia inferiore dell’energia prodotta.